Proteggiti dai Furti

  • L’esperto risponde
    Gli specialisti di UNICABROKER sono a disposizione per rispondere a tutti i suoi quesiti.
    Non esiti a chiamarci al nostro numero 010.26.93.280 o ad inviare una e-mail al seguente indirizzo: info@unicabroker.it.
  • Proteggiti dai furti:

    10% di sconto per premi sopra i 500 euro

    Copre sino a:

    • 75.000 di euro di valore di mobilio e effetti personali;
    • 75.000 euro di valore per preziosi;
    • 2.500 euro per valori;
    • 2.500 euro per scippo;

    Oggetto dell’Assicurazione

    L’Impresa si obbliga a indennizzare l’assicurato dei danni materiali e diretti, causati da:

    a) Furto del Contenuto posto nei locali del Fabbricato assicurato e relative dipendenze, a condizione che l’autore del furto si sia introdotto nei locali contenenti le cose assicurate:

    • violandone le difese esterne mediante o rottura, scasso o uso di chiavi false, di grimaldelli o di arnesi simili;
    • per via diversa da quella ordinaria, che richieda superamento di ostacoli o di ripari mediante impiego di mezzi artificiosi o di particolare agilità personale;
    • in modo clandestino, purché l’asportazione della refurtiva sia avvenuta in un momento successivo alla chiusura del Fabbricato;
    • con uso fraudolento di chiavi vere smarrite o sottratte all’assicurato o ai suoi familiari risultanti dallo stato di famiglia, per il periodo compreso tra le ore 24 del giorno della denuncia fatta all’Autorità competente della sottrazione o dello smarrimento e le ore 24 del quinto giorno successivo a quello in cui è stata fatta la denuncia. Per i valori e gli oggetti preziosi custoditi in cassaforte, cassaforte a muro ed armadi corazzati, l’assicurazione è operante a condizione che l’autore del furto, dopo essersi introdotto nei locali, abbia violato la cassaforte, cassaforte a muro o l’armadio corazzato nei modi previsti al precedente punto I).

    b) Rapina o estorsione avvenuta nel Fabbricato contenente le cose assicurate, quand’anche le persone sulle quali viene fatta violenza o minaccia vengano prelevate dall’esterno e siano costrette a recarsi nei locali stessi.

    c) Atti vandalici e guasti al Contenuto compiuti dagli autori del furto, della rapina o dell’estorsione consumati o tentati, con il limite del 50% della somma assicurata.

    Contenuto a Primo Rischio assoluto

    L’assicurazione si intende prestata a primo rischio assoluto e pertanto non si applica la regola proporzionale prevista dall’art. 1907 del Codice Civile.

    Limiti di indennizzo forma di assicurazione standard

    Per il contenuto dell’abitazione principale, quando sia stata scelta la forma di assicurazione standard, sono operanti i seguenti limiti di indennizzo:

    a) 50% della somma assicurata per oggetti preziosi con il massimo di:

    • euro 15.000,00 per singolo oggetto prezioso ovunque riposto;
    • euro 30.000,00 per singolo oggetto prezioso riposto in cassaforte, cassaforte a muro o armadio corazzato.

    b) 60% della somma assicurata in relazione a oggetti pregiati.

    c) 10% della somma assicurata con il massimo di euro 1.500,00 per mobilio, arredamento ed effetti personali, attrezzi da giardinaggio o sportivi, scooter e biciclette riposti nelle dipendenze del Fabbricato contenente le cose assicurate e non comunicanti con lo stesso.

    d) 10% della somma assicurata con il massimo di:

    • euro 500,00 per valori ovunque riposti;
    • euro 2.500,00 per valori riposti in cassaforte, cassaforte a muro o armadio corazzato.

    e) 40% della somma assicurata con il massimo di Euro 3.000,00 per oggetti preziosi ovunque riposti.

    f) 40% della somma assicurata in relazione a oggetti pregiati.

    g) 10% della somma assicurata con il massimo di Euro 1.000,00 per mobilio, arredamento ed effetti personali, attrezzi da giardinaggio o sportivi, scooter e biciclette riposti nelle dipendenze del Fabbricato contenente le cose assicurate e non comunicanti con lo stesso.

    h) 5% della somma assicurata con il massimo di euro 500,00 per valori ovunque riposti.

    Forma di assicurazione personalizzata

    Per il contenuto dell’abitazione principale, quando sia stata scelta la forma di assicurazione personalizzata, sono operanti i seguenti limiti di indennizzo:

    a) per oggetti preziosi:

    • euro 15.000,00 per singolo oggetto ovunque riposto;
    • euro 30.000,00 per singolo oggetto riposto in cassaforte, cassaforte a muro o armadio corazzato.

    b) 10% della somma assicurata alla Parte 1) del Simplo di Polizza, Mobilio, arredamento e effetti personali, con il massimo di Euro 1.500,00 per mobilio, arredamento ed effetti personali, attrezzi da giardinaggio o sportivi, scooter e biciclette riposti nelle dipendenze del Fabbricato contenente le cose assicurate e non comunicanti con lo stesso.

    Comunicazione di acquisto

    Se l’assicurato ha scelto la forma personalizzata ed è in regola con il pagamento del premio, ha facoltà, in corso di contratto, di comunicare all’impresa l’avvenuto acquisto, comprovato da documento fiscale, di uno o più oggetti, rientranti nel contenuto dell’abitazione.

    La somma assicurata relativa alla partita di polizza in cui l’oggetto rientra si intenderà aumentata, con il massimo previsto dai limiti assuntivi dell’impresa in vigore all’atto della stipulazione del contratto, senza aggravio di premio fino alla scadenza del periodo annuo di assicurazione in corso al momento della comunicazione e con effetto dalle ore 24 del giorno della comunicazione, di un importo pari al valore a nuovo degli oggetti.

    Disabitazione

    Se i locali dell’abitazione principale rimangono per più di 45 giorni consecutivi non abitati, l’assicurazione è sospesa a decorrere dalle ore 24 del quarantacinquesimo giorno. Per oggetti preziosi e valori la sospensione decorre dalle ore 24 del ventunesimo giorno.

    Abitazione secondaria

    La garanzia furto è operante a prescindere da quale sia la durata della disabitazione per il contenuto riposto nell’abitazione secondaria, con l’esclusione di oggetti preziosi e valori per i quali la garanzia è limitata al periodo di abitazione da parte dell’assicurato o dei suoi familiari risultanti dallo stato di famiglia.

    In caso di sinistro relativo all’abitazione secondaria l’impresa applicherà uno scoperto del 10% sull’ammontare del danno indennizzabile. lo scoperto non sarà applicato per le garanzie previste dalle condizioni aggiuntive di cui all’art. 31.

    Trasloco delle cose assicurate

    In caso di trasferimento dell’abitazione principale o secondaria e di trasloco del contenuto assicurato, le garanzie di intendono operanti, nel limite delle rispettive somme assicurate, sia nell’ubicazione indicata in polizza sia nella nuova per i 7 giorni successivi alla comunicazione di trasferimento.

    Il contraente o l’assicurato si impegnano a darne avviso scritto all’Impresa prima dell’effettuazione del trasloco stesso; in caso di inadempimento l’assicurazione resta sospesa dalle ore 24 del giorno antecedente il trasloco e riprende vigore soltanto dalle ore 24 del giorno successivo a quello in cui l’Impresa ha ricevuto l’avviso, fatto salvo il disposto dell’art. 4 delle Condizioni Generali di Assicurazione per il caso in cui il trasloco comporti aggravamento del rischio.

    Condizioni Aggiuntive

    L’Impresa indennizza inoltre, fermo il disposto dell’art. 18 delle Condizioni Generali di Assicurazione:

    a) Il furto di fissi e infissi del Fabbricato contenente le cose assicurate, fino alla concorrenza del 10% del totale delle somme assicurate relative al Contenuto e con il massimo di Euro 1.500,00 per periodo annuo di assicurazione.

    b) Il furto di oggetti preziosi depositati in cassette di sicurezza presso istituti di credito del territorio italiano, fino alla concorrenza:

    • se è stata scelta la forma di assicurazione standard, del limite previsto alla lettera a) della clausola Limiti di indennizzo di cui all’art. 30, fermi i limiti per singolo oggetto ivi previsti al punto II) della predetta lettera;
    • se è stata scelta la forma di assicurazione personalizzata, della somma assicurata alla Parte 4) della scheda di polizza, oggetti preziosi riposti in armadio corazzato o cassaforte, fermi i limiti per singolo oggetto previsti alla lettera a) della clausola Limiti di indennizzo di cui all’art. 30.

    c) Il furto di valori depositati in cassette di sicurezza presso istituti di credito del territorio italiano, fino alla concorrenza:

    • se è stata scelta la forma di assicurazione standard, del limite previsto alla lettera d) punto II) della clausola Limiti di indennizzo di cui all’art. 30;
    • se è stata scelta la forma di assicurazione personalizzata, della somma assicurata alla Parte 5) della scheda di polizza, Valori;

    d) Il furto e la rapina di effetti personali, oggetti preziosi e valori portati temporaneamente fuori dall’assicurato e/o dai familiari risultanti dallo stato di famiglia e per il solo periodo della loro permanenza in luogo, in alberghi, pensioni, locali di villeggiatura che non costituiscono abitazione secondaria, fino alla concorrenza del 10% del totale delle somme assicurate relative al Contenuto con il massimo di euro 1.500,00 per periodo annuo di assicurazione.

    e) I guasti cagionati dai ladri ai locali contenenti le cose assicurate ed agli infissi posti a protezione degli accessi e delle aperture dei locali stessi, fino alla concorrenza di euro 1.500,00 per periodo annuo di assicurazione.

    f) Le spese accertate e documentate per le cure necessarie conseguenti alle lesioni fisiche obiettivamente constatabili subite dall’assicurato e/o dai familiari risultanti dallo Stato di Famiglia a seguito di scippo, rapina, consumati o tentati, indennizzabili a termini di polizza, con il massimo di euro 500,00 per persona infortunata e di euro 2.000,00 per periodo annuo di assicurazione.

    g) Le spese per il rifacimento di documenti sottratti o distrutti in occasione di furto o rapina (tentati o consumati) fino alla concorrenza di euro 500,00 per sinistro;

    h) Le spese per la sostituzione delle serrature delle porte d’ingresso dell’abitazione principale o secondaria con altre di tipo equivalente, in caso di sottrazione o smarrimento da parte dell’assicurato e/o dei familiari risultanti dallo stato di famiglia, fino alla concorrenza di euro 250,00 per periodo annuo di assicurazione.

    i) (in collaborazione con C.P.P.) gli importi, interessi inclusi, che l’assicurato debba pagare come responsabile, nei confronti dell’emittente le carte di credito in suo possesso e regolarmente comunicate all’Impresa, per gli utilizzi fraudolenti delle carte di credito stesse e, successivamente alla notifica, fino a quando l’Impresa informi l’emittente la carta di credito dell’avvenuto furto, rapina e/o smarrimento delle stesse; la presente estensione di garanzia è prestata fino alla concorrenza di euro 155,00 per sinistro e fino alla concorrenza di euro 1.860,00 per periodo annuo di assicurazione.

    Scippo, Rapina, Estorsione all’Estero dell’Abitazione (operante solo se è stato corrisposto il premio relativo)

    L’Impresa risponde secondo le condizioni generali di assicurazione e nei limiti della somma assicurata a tale titolo dello scippo, rapina ed estorsione degli effetti personali, oggetti preziosi e valori portati con sé all’esterno dei locali che costituiscono abitazione dell’assicurato da parte dell’assicurato stesso e/o dei suoi familiari risultanti dallo stato di famiglia purché abbiano compiuto il quattordicesimo anno di età al momento del sinistro.

    Deve intendersi compreso il furto subito in seguito a malore della persona derubata, nonché i danni subiti dalle cose assicurate nell’esecuzione dello scippo, rapina o estorsione tentati o consumati.La presente garanzia è prestata entro il territorio dell’Unione Europea, Svizzera, Principato di Monaco, Andorra, Liechtenstein, Repubblica di S. Marino e Città del Vaticano.

    Riduzione delle Somme Assicurate a seguito di Sinistro

    In caso di sinistro le somme assicurate con le singole partite di polizza e, in proporzione, anche i relativi limiti di indennizzo si intendono ridotti, con effetto immediato e fino al termine del periodo di assicurazione in corso, di un importo uguale a quello del danno indennizzabile al netto di eventuali franchigie o scoperti, senza corrispondente restituzione di premio.

    È facoltà dell’Impresa reintegrare le somme assicurate su esplicita richiesta del contraente: in tale evenienza il contraente è obbligato a corrispondere il rateo di premio relativo all’importo reintegrato per il tempo intercorrente tra la data in cui ha effetto il reintegro ed il termine del periodo di assicurazione in corso.

    Recupero delle Cose Rubate

    Se le cose rubate vengono recuperate in tutto o in parte, l’assicurato deve darne avviso all’Impresa appena ne ha avuto notizia. Le cose recuperate divengono di proprietà dell’Impresa, se questa ha indennizzato integralmente il danno, salvo che l’assicurato rimborsi all’Impresa l’intero importo riscosso a titolo di indennizzo per le cose medesime.

    Se invece l’Impresa ha indennizzato il danno solo in parte, l’assicurato ha facoltà di conservare la proprietà delle cose recuperate previa restituzione dell’importo dell’indennizzo riscosso dall’Impresa per le stesse ovvero di farle vendere. In quest’ultimo caso si procede ad una nuova valutazione del danno, sottraendo dall’ammontare del danno originariamente accertato il valore delle cose recuperate; sull’importo così ottenuto viene calcolato nuovamente l’indennizzo a termini di polizza e si effettuano i relativi conguagli.

    Per le cose rubate che siano recuperate prima del pagamento dell’indennizzo e prima che siano trascorsi sessanta giorni dalla data di avviso del sinistro, l’Impresa è obbligata soltanto per i danni subiti dalle cose stesse in conseguenza del sinistro. L’assicurato ha tuttavia facoltà di abbandonare all’Impresa le cose recuperate che siano d’uso personale o domestico, salvo il diritto dell’Impresa di rifiutare l’abbandono pagando l’indennizzo dovuto.

    Abitazione Principale: l’abitazione, ubicata nel territorio dello Stato Italiano, presso cui l’assicurato ha la propria residenza anagrafica.

    Abitazione Secondaria: l’abitazione, ubicata nel territorio dello Stato Italiano, di proprietà oppure goduta in locazione, presso cui l’assicurato non dimora abitualmente.

    Animale: il cane od il gatto di proprietà dell’assicurato, identificato sulla scheda di polizza e munito di apposita tessera identificativa.

    Arbitrato: istituto giuridico in base al quale le Parti concordemente rinunciano ad adire l’Autorità Giudiziaria per la risoluzione di contenziosi concernenti l’interpretazione o l’esecuzione di un contratto e demandano la decisione ad un Collegio Arbitrale.

    Armadio Corazzato: mezzo di custodia avente le seguenti caratteristiche:

    a) Pareti e battenti costituiti da involucro esterno in acciaio di spessore non inferiore a 3 mm., strato di conglomerato cementizio od altro materiale refrattario; protezione di acciaio al manganese o di altro materiale avente caratteristiche di resistenza al trapano almeno pari a quelle dell’acciaio al manganese, di spessore non inferiore a 2 mm., estesa a tutta la superficie del corpo e dei battenti, battenti con sagomatura antistrappo sul lato cerniere.

    b) Movimento di chiusura:

    • manovrato da maniglia o volantino che comanda catenacci multipli ad espansione su tre lati di un battente (almeno un catenaccio sul lato orizzontale superiore, tre sul lato verticale serrature ed uno sul lato orizzontale inferiore);
    • rifermato da serratura di sicurezza a chiave con almeno cinque lastrine e/o da serratura a combinazione numerica o laterale con almeno tre dischi coassiali.

    c) Peso minimo: 300 Kg.

    Assicurato: il soggetto che stipula l’assicurazione ed il cui interesse è protetto dalla stessa.

    Assicurazione: il contratto di assicurazione.

    Autocombustione: combustione spontanea senza sviluppo di fiamma.

    Cassaforte: mezzo di custodia avente le seguenti caratteristiche:

    a) Pareti in acciaio.

    b) Battente in acciaio con spessore massiccio non inferiore a 10 mm.

    c) Movimento di chiusura azionante catenacci ad espansione, rifermato da serratura di sicurezza a chiave e/o da serratura a combinazione numerica o letterale. Nel caso il battente sia con sagomatura antistrappo sul lato cerniere, su questo lato non sono necessari catenacci ad espansione.

    d) Dispositivo di ancoraggio ricavato od applicato sul corpo della cassaforte in modo che questa, una volta incassata e cementata nel muro, non possa essere sfilata dal muro stesso senza demolizione del medesimo.

    Oppure avente le seguenti caratteristiche:

    e) Pareti a battente di adeguato spessore, costituiti da difese atte a contrastare attacchi condotti con soli mezzi meccanici tradizionali (trapano, mola a disco, mazze, scalpelli, martelli a percussione, ecc.).

    f) Movimento di chiusura:

    • manovrato da maniglia o volantino che comanda catenacci multipli ad espansione su tre lati di un battente (almeno un catenaccio sul lato orizzontale superiore, tre sul lato verticale serrature ed uno sul lato orizzontale inferiore);
    • rifermato da serratura di sicurezza a chiave con almeno cinque lastrine e/o da serratura a combinazione numerica o laterale con almeno tre dischi coassiali;

    c) Peso minimo: 200 Kg.

    Cassaforte a Muro: la cassaforte è munita di alette di ancoraggio incastonata con cemento nella muratura con sportello di apertura a filo della parete.

    Centrale Operativa: la struttura dell’Impresa in funzione tutti i giorni dell’anno 24 ore su 24, che organizza ed eroga le prestazioni di assistenza, previste in polizza, richieste dell’assicurato.

    Collaboratori Domestici: le persone (in regola con gli obblighi di legge) addette, continuativamente o con periodicità regolare, ai servizi domestici con mansioni svolte nell’abitazione assicurata.

    Contenuto dell’Abitazione:

    • addizioni e migliorie apportate dall’assicurato locatario anche se rientranti nella definizione di “Fabbricato”;
    • mobilio, arredamento ed effetti personali: mobili ed oggetti d’arredamento, impianti di prevenzione e d’allarme; armadi corazzati, casseforti; attrezzature e provviste domestiche; elettrodomestici apparecchi audiovisivi ad uso domestico quali radio, televisori, videoregistratori, DVD, impianti stereofonici; fotocamere, videocamere, cineprese, binocoli; apparecchiature elettroniche quali computer fissi o portatili, telefonini, fax; strumenti musicali, armi da fuoco, capi di vestiario ed oggetti personali in genere; devono intendersi compresi anche oggetti personali dei collaboratori domestici ovvero beni mobili di proprietà di Terzi che l’assicurato gode in locazione o in comodato d’uso; si intendono altresì compresi  (purché di valore unitario inferiore a euro 2.500,00) tappeti, arazzi, quadri, sculture, oggetti aventi particolare valore artistico o storico, orologi in metallo non prezioso, mobili d’antiquariato, pellicce, raccolte e collezioni;
    • oggetti pregiati: oggetti in argento di valore unitario inferiore a euro 10.000,00; tappeti, arazzi, quadri, sculture, oggetti aventi particolare valore artistico o storico, orologi in metallo non prezioso, mobili d’antiquariato, pellicce, raccolte e collezioni purché di valore unitario superiore a euro 2.500,00 e comunque inferiore a euro 10.000,00;
    • oggetti preziosi: tappeti, arazzi, quadri, sculture, oggetti in argento, orologi in metallo non prezioso, mobili d’antiquariato, pellicce, raccolte e collezioni purché di valore unitario superiore a euro 10.000,00; gioielli, oro e platino grezzi o lavorati ed oggetti fabbricati o montati su tali metalli; pietre preziose, perle naturali o coltivate;
    • valori: denaro, carte valori, titoli di credito in genere.

    C.P.P. (Card Protection Plan): azienda multinazionale all’avanguardia nei servizi di protezione e copertura delle carte di credito e di debito.

    Custodia dei Locali:

    • custodia 24 ore su 24: locali custoditi senza soluzione di continuità per tutto l’arco delle 24 ore e per 365 giorni all’anno da personale addetto;
    • custodia solo diurna: locali custoditi senza soluzione di continuità per almeno 6 ore al giorno, con esclusione dei giorni festivi;
    • locali non custoditi: locali con custodia effettuata da parte di personale addetto inferiore a quanto previsto ai precedenti punti a) e b) ovvero privi di custodia.

    Danno Extracontrattuale: danno conseguente a fatto illecito.

    Dipendenze: locali anche posti in corpi separati, purché negli spazi adiacenti al fabbricato (quali a titolo esemplificativo cantine, soffitte, box) aventi caratteristiche costruttive e mezzi di chiusura identici a quelli dell’abitazione di cui costituiscono pertinenza.

    Diritto Reale: diritto che attribuisce al titolare la disponibilità di un determinato bene (disponibilità piena nel caso, ad es. di proprietà, e limitata nel caso ad es. di usufrutto) e conseguente dovere per i terzi di astensione dal turbamento dell’esercizio del diritto stesso.

    Disabitazione: assenza continuativa dall’abitazione dell’assicurato, dei suoi familiari o delle persone con lui conviventi risultanti dallo Stato di Famiglia. La visita dei locali contenenti le cose assicurate per pulizie e riparazioni non costituisce interruzione della disabitazione.

    Esplosione: repentino sviluppo di gas o vapori ad elevata temperatura e pressione, dovuto a reazione chimica che si autopropaga ad alta velocità.

    Estorsione: costringere qualcuno con violenza o minaccia a fare o non fare qualcosa per ottenerne ingiusto profitto (art. 629 del Codice Penale).

    Fabbricato: l’intera costruzione edile, ovvero porzione di questa (appartamento), adibita ad abitazione, compresi fissi ed infissi ed opere di fondazione o interrate, impianti idrici ed igienici, impianti elettrici fissi, impianti di riscaldamento, impianti di condizionamento di aria, ascensori, montacarichi, scale mobili, come pure altri impianti od installazioni considerati immobili per natura o per destinazione ivi comprese tappezzerie, tinteggiature, moquette, pavimentazioni, soffittature e contro–soffittature, affreschi e statue che non abbiano valore artistico, muri di recinzione e cancelli anche se azionati elettronicamente, piscine e dipendenze del fabbricato purché ubicate nello stesso fabbricato o nelle immediate vicinanze; sono comunque esclusi parchi, attrezzature sportive e per giochi, strade private. Nel caso di assicurazione di porzione di fabbricato, l’assicurazione deve intendersi riferita anche alla rispettiva quota di proprietà comune. Si intende escluso quanto rientra nella definizione di“Contenuto”.

    Fissi e Infissi: manufatti per la chiusura dei vani di transito, illuminazione ed aerazione delle costruzioni e in genere quanto è stabilmente ancorato alle strutture murarie, rispetto alle quali ha funzione secondaria di finimento o protezione.

    Furto: l’impossessarsi di una cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne ingiusto profitto per sé o per gli altri (art. 624 del Codice Penale).

    Franchigia: la somma che, per ogni sinistro, viene dedotta dall’ammontare dell’indennizzo e che resta a carico dell’assicurato.

    Home Repair Service: intervento diretto dell’Impresa, che provvede, su richiesta dell’assicurato e in caso di sinistro indennizzabile a termini di polizza, alla riparazione del danno tramite la propria organizzazione di mezzi e il personale specializzato convenzionato, tenendo indenne l’assicurato delle relative spese.

    Illecito Amministrativo Depenalizzato: fatto che per la legge non costituisce più reato e che si estingue con il pagamento di una somma di danaro alla Pubblica Amministrazione.

    Impianto di Allarme:

    • Installato: locali contenenti le cose assicurate protetti da impianto automatico di allarme munito di avvisatore acustico del tipo a sirena, lampeggiatore e munito di telecollegamento;
    • Filo diretto: locali contenenti le cose assicurate protetti da impianto automatico di allarme fornito dall’Impresa o da impianto d’allarme equiparato con dichiarazione scritta dell’Impresa ad impianto da questa fornito;
    • Non installato: locali contenenti le cose assicurate non protetti da impianto automatico di allarme ovvero protetti da impianto automatico di allarme sprovvisto dei requisiti minimi richiesti al precedente punto 1.

    Implosione: Repentino cedimento o improvvisa rottura di contenitori e tubazioni per un difetto di pressione. Gli effetti del gelo e del “colpo d’ariete” non sono considerati implosione.

    Impresa: filo diretto Assicurazioni S.p.A.

    Imputazione Colposa: imputazione per reato commesso con negligenza, imprudenza, imperizia, inosservanza di leggi e regolamenti (art. 42 e art. 43 del Codice Penale).

    Imputazione Dolosa: imputazione per reato previsto e volontariamente commesso (art. 42 e art. 43 del Codice Penale).

    Incendio: combustione con fiamma di beni materiali al di fuori di appropriato focolare che può auto estendersi e propagarsi.

    Incombustibili: sostanze e prodotti che alla temperatura di 750° non danno luogo a manifestazioni di fiamma né a reazione esotermica. Il metodo di prova è quello adottato dal Centro Studi Esperienze del Ministero dell’Interno.

    Indennizzo: la somma che è dovuta dall’Impresa in caso di sinistro causato da evento coperto dalle garanzie di polizza.

    Infortuni: l’evento, dovuto a causa fortuita violenta ed esterna, che produca lesioni corporali oggettivamente constatabili.

    Istituto di Cura: la clinica veterinaria o la casa di cura specializzata, regolarmente autorizzata al ricovero di animali malati.

    Malattia: ogni obiettiva alterazione evolutiva dello stato di salute non dovuta ad infortunio.

    Malattia Preesistenze: malattia che sia l’espressione o la conseguenza diretta di situazioni patologiche croniche o preesistenti alla sottoscrizione della polizza.

    Massimale: somma fino a concorrenza della quale l’Impresa risponde per ogni sinistro nell’assicurazione di responsabilità civile verso Terzi e nell’assicurazione Tutela giudiziaria.

    Numero di Abitanti del Comune: numero di abitanti del Comune ove è ubicata l’abitazione principale assicurata, desumibile dai dati ISTAT del Censimento 2001.

    Oggetto Documentato: si considera quale documentato l’oggetto che, rientrante nella definizione di “Contenuto”, sia corredato da almeno uno dei seguenti documenti:

    • scontrino o ricevuta fiscale d’acquisto o fattura;
    • certificato di garanzia/autenticità redatto e rilasciato dal produttore/costruttore del bene; Si considerano altresì quali oggetti documentati gli oggetti indicati dall’assicurato nell’allegato n. 1 alla scheda di polizza e per i quali vi sia stata espressa accettazione da parte dell’Impresa.

    Onda Sonica: onda d’urto provocata da aeromobili o comunque da oggetti in movimento per effetto del superamento della velocità del suono.

    Piano:

    • terra: il livello del marciapiede o, in assenza, della sede stradale in prossimità dei quali è ubicato il fabbricato;
    • rialzato: il livello del primo solaio fuori terra sopraelevato rispetto al marciapiede o, in assenza, rispetto alla sede stradale;
    • intermedio: tutti i piani diversi da terra, rialzato o ultimo;
    • ultimo: il livello del solaio immediatamente sottostante al tetto del fabbricato. E’ equiparato ad ultimo piano il livello del solaio sottostante all’ultimo qualora l’ultimo sia esclusivamente destinato a sottotetto.

    Polizza: il documento che prova l’assicurazione.

    Porta:

    • porta blindata: la porta contrassegnata dal costruttore come appartenente ad una delle quattro classi di resistenza previste dalla Norma UNI 9569;
    • porta conforme: la porta non contrassegnata dal costruttore come appartenente ad una delle quattro classi di resistenza previste dalla Norma UNI 9569, ma comunque conforme a quanto richiesto dalle condizioni contrattuali.

    Premio: la somma dovuta dal contraente all’Impresa.

    Primo Fuoco (Primo Rischio Assoluto): forma di assicurazione in base alla quale l’Impresa, a prescindere dal valore delle cose assicurate, risponde del danno fino alla concorrenza della somma assicurata, senza applicazione del disposto dell’art. 1907 del Codice Civile.

    Raccolte e Collezioni: complesso di oggetti di una stessa specie e categoria, ordinato secondo criteri precisi di raccolta in cui il valore dell’insieme supera la somma dei valori degli oggetti che la compongono singolarmente considerati.

    Rapina: impossessarsi di una cosa mobile di proprietà altrui mediante violenza o minaccia per ottenerne un ingiusto profitto (art. 628 del Codice Penale).

    Reato: ogni fatto umano cui la legge ricollega una sanzione penale; in relazione alla diversa specie della pena si deve distinguere tra:

    • delitto per il quale è prevista la pena detentiva della reclusione e/o la pena pecuniaria della multa;
    • Contravvenzione per la quale è prevista la pena detentiva dell’arresto e/o la pena pecuniaria dell’ammenda.

    Rete Veterinaria Convenzionata: le cliniche veterinarie ed i veterinari che hanno sottoscritto specifico accordo con l’Impresa.

    Ricovero: la degenza comportante pernottamento in Istituto di cura.

    Rischio: probabilità che si avveri l’evento dannoso contro cui è prestata l’assicurazione.

    Sanzione Amministrativa: provvedimento dell’Autorità Amministrativa /Giudiziaria conseguente alla violazione di disposizioni generali:

    • pecuniaria: pagamento di una somma di danaro;
    • accessoria: sanzioni diverse, quali la sospensione, revoca, destituzione, confisca, sequestro; fermo o blocco.

    Scippo: furto commesso strappando la cosa di mano o di dosso alla persona che la detiene.

    Scheda di Polizza: l’esemplare della polizza.

    Scoperto: la parte dell’ammontare del danno che, per ogni sinistro, resta a carico dell’assicurato.

    Scoppio: repentino cedimento o improvvisa rottura di contenitori e tubazioni per eccesso di pressione. Gli effetti del gelo e del “colpo d’ariete” non sono considerati scoppio.

    Sinistro: il verificarsi dell’evento dannoso contro cui è prestata l’assicurazione ovvero, per la garanzia Tutela giudiziaria, l’insorgere della controversia per la quale è prestata l’assicurazione.

    Solaio: il complesso degli elementi che costituiscono la separazione orizzontale tra i piani del fabbricato, escluse pavimentazioni e soffittature.

    Spese di Giustizia Penale: le spese del procedimento, dovute allo Stato dal condannato (art. 535 primo comma del Codice di Procedura Penale).

    Spese di Soccombenza: le spese che la parte soccombente è condannata a rimborsare alla parte vittoriosa nel procedimento civile, così come liquidate dal Giudice in sentenza.

    Tetto: il complesso degli elementi destinati a coprire e proteggere il fabbricato dagli agenti atmosferici, comprese relative strutture portanti (orditura, tiranti o catene).

    Terzo: di norma non rivestono qualifica di Terzi:

    • il coniuge, i genitori, i figli dell’assicurato nonché qualunque altro affine o parente con lui convivente e risultante dallo stato di famiglia;
    • i dipendenti dell’assicurato che subiscano il danno in occasione di lavoro o di servizio.

    Tipo di Abitazione:

    • plurifamiliare: appartamento facente parte di fabbricato destinato ad abitazioni tra loro contigue, soprastanti o sottostanti, ma non intercomunicanti, ciascuna con proprio accesso dall’interno, ma con accesso comune dall’esterno del fabbricato;
    • unifamiliare: casa unifamiliare, villa (anche a schiera) o appartamento avente accesso proprio dall’esterno del fabbricato di cui è parte.

    Trattazione stragiudiziale: tutta l’attività che precede o viene esperita in sede diversa e anteriore al giudizio, volta al componimento del contenzioso.

    Valore A Nuovo: per il Fabbricato (o per il Rischio Locativo): il costo di riparazione a nuovo con le medesime caratteristiche costruttive, ai costi correnti nel momento in cui si è verificato il sinistro, delle parti danneggiate e/o di ricostruzione a nuovo di quelle distrutte con analoghe caratteristiche costruttive, escluso soltanto il valore del terreno su cui il fabbricato è edificato.

    Valore Commerciale: il valore attribuito ad una cosa dal mercato nella libera trattativa commerciale.

    Valore Intero: forma di assicurazione che comporta, in caso di sinistro, l’applicazione del disposto dell’art. 1907 del Codice Civile.

    Vertenza Amministrativa: contenzioso, in cui una delle due Parti è lo Stato o un Ente Pubblico, la cui decisione è demandata in sede giudiziale all’Autorità Amministrativa competente: T.A.R. (Tribunale Amministrativo Regionale) o Consiglio di Stato.

    Vertenza Contrattuale: controversia inerente l’esistenza, la validità o l’esecuzione di patti, accordi, contratti conclusi tra le Parti, anche verbalmente, con conseguente inadempimento della relative obbligazioni.

    Vetro Antisfondamento: lastre costituite:

    • da più strati di vetro, accoppiati fra loro, con interposto, tra vetro e vetro e per l’intera superficie, uno strato di materiale plastico in modo da ottenere uno spessore totale massiccio non inferiore a 6 mm.;
    • da uno strato di materiale sintetico (policarbonato) dello spessore minimo di 6 mm.

    Esclusioni

    L’assicurazione non comprende i danni:

    a) Derivanti dall’esercizio di attività professionali, di industria o di commercio.

    b) Derivanti da furto.

    c) Derivanti dalla proprietà, possesso, guida ed uso di mezzi aerei e di locomozione a motore, fatto salvo quanto previsto dal precedente art. 37 lettera k).

    d) Conseguenti ad inadempienze di obblighi contrattuali e fiscali.

    e) Di qualsiasi natura e da qualunque causa determinati da: inquinamento dell’aria, dell’acqua o del suolo.

    f) Derivanti da lavori di manutenzione straordinaria, ampliamento, sopraelevazione o demolizione, fatto salvo quanto previsto dal precedente art. 30 lettera a).

    g) Da detenzione o impiego di esplosivi o di sostanze radioattive o di apparecchi per l’accelerazione di particelle atomiche come pure i danni che, in relazione ai rischi assicurati, si siano verificati in connessione con fenomeni di trasmutazione del nucleo dell’atomo o con radiazioni provocate dall’accelerazione artificiale di particelle atomiche.

    h) A cose che le persone assicurate detengano a qualsiasi titolo ed a quelle trasportate, rimorchiate, sollevate, caricate o scaricate.

    i) Derivanti dalla detenzione a qualsiasi titolo di animali non domestici.

    j) Derivanti dall’esercizio dell’attività venatoria.

    k) Derivanti da umidità, stillicidio ed in genere da insalubrità dei locali.

    l) Responsabilità, di qualsiasi natura e comunque occasionata, direttamente o indirettamente derivante, seppure in parte, dall’asbesto o da una qualsiasi altra sostanza contenente in qualunque forma o misura asbesto.